Fendinebbia: quando è necessario utilizzarli?

 

I fendinebbia sono sistemi di illuminazione stradale progettati per essere utilizzati quando la nebbia impedisce di godere di una buona visibilità della strada. Possono essere molto utili anche qualora ci fosse del fumo sulla strada, o in caso di neve forte e pioggia. Il loro nome, fendi nebbia, indica esattamente la loro funzionalità: quella di garantire una maggiore visibilità al conducente per la sua incolumità e per quella degli altri automobilisti. Ma cosa dice il Codice della Strada a riguardo?

Quando utilizzare i fendinebbia

I fendinebbia, installati su praticamente ogni veicolo, garantiscono una visuale migliore della strada, se paragonati, ad esempio, agli anabbaglianti. Il motivo è semplice: la loro intensità risulta differente, così come la loro posizione. Possono essere sfruttati in caso di fumo, nebbia, pioggia o neve fitta e, in generale, in condizioni di scarsa visibilità durante il giorno. Nelle ore notturne integrano, invece, la funzione di anabbaglianti e abbaglianti.

I fendinebbia si differenziano dai retronebbia, necessari per segnalare la presenza del veicolo agli altri mezzi presenti sulla strada: occorre metterli in funzione quando la visibilità risulta inferiore ai 50 metri a causa di fumo, forti nevicate o forti piogge. Nell’omologazione del veicolo risultano essere obbligatori, ma è possibile averne installato uno soltanto.

Il Codice della Strada punisce chi non utilizza questi fondamentali elementi luminosi e, in caso di scarsa visibilità, è sempre opportuno utilizzarli anche se non sono necessariamente fondamentali. La sanzione per il mancato utilizzo va da €41 a €169, con la sottrazione di un punto dalla patente.