Assicurazione auto per furto e incendio

L’assicurazione auto è un vero e proprio incubo per gli automobilisti italiani. Purtroppo, infatti, siamo costretti a pagare una polizza molto di più di quanto non avvenga in Spagna o in Francia. Ma apparte questo aspetto legato al prezzo, c’è anche da considerare che le garanzie accessorie da scegliere sono moltissime. Una di queste è la polizza per furto e incendio, una delle garanzie più diffuse visto l’alto numero di furti che si registra nel nostro paese. Ma come funzionano esattamente queste polizze e quali costi bisogna sostenere?

Polizze auto furto e incendio

Al momento della sottoscrizione dell’assicurazione auto, è possibile aderire ad un’ulteriore polizza: stiamo parlando della “furto incendio”. Questa polizza è una garanzia aggiuntiva che copre l’assicurato per i danni materiali e diretti subiti in caso di incendio e furto del proprio veicolo. Normalmente questa polizza garantisce l’assicurato sia in caso di furto totale che in caso di furto parziale.

Ma quali sono i danni che, concretamente, vengono coperti dalla furto/incendio?

Scopriamoli insieme.

polizze contro l’incendio del veicolo. Esse tutelano e garantiscono l’assicurato dai danni subiti dalla vettura in seguito ad un incendio e a qualsivoglia evento legato al fuoco. Questa polizza, dunque, copre anche i danni causati da corto circuiti, surriscaldamento del motore, scoppi, fulmini. Sono esclusi dalla copertura assicurativa i danni causati da oggetti presenti nella vettura.
Il valore del risarcimento viene calcolato in base al valore commerciale del veicolo al momento dell’incendio. La polizza contro l’incendio distingue tra danneggiamento e distruzione. In caso di danneggiamento del veicolo, l’assicurazione pagherà all’assicurato solo il valore delle parti che sono state danneggiate. In caso di distruzione, invece, l’assicurazione risarcirà tutto il valore della vettura. Sono esclusi dalla copertura assicurativa gli incendi causati da dolo o colpa dell’assicurato o dei suoi congiunti.

polizza contro il furto. Essa tutela l’assicurato dai danni a lui cagionati dal furto vero e proprio, dal tentativo di furto o di scasso non riuscito. Tutela, infine, l’assicurato dai danni derivati dalla distruzione del veicolo. Ovviamente questo tipo di polizza copre il furto di ogni parte della vettura ma non degli oggetti in essa contenuti. Il premio e l’indennizzo per questa polizza sono calcolati in base al valore di mercato che l’auto aveva al momento del furto. Questo valore viene rinegoziato di anno in anno ma non può scendere.

Accanto alle citate polizze, poi, l’assicurato può sottoscrivere ulteriori garanzie a prezzi ridotti.

Fonte: leassicurazionionline.altervista.org